Il Presepe ai tempi nostri, tra tradizione e contemporaneità.

Il Presepe ai tempi nostri, tra tradizione e contemporaneità.

Il presepe è, con la tradizione dell’albero di Natale, una delle più diffuse usanze natalizie.
Il natale è ormai alle porte, le case vengono addobbate e arricchite da fiocchi e decorazioni che scaldano e rendono magico questo periodo dell’anno.

Come nasce il presepe?
La raffigurazione della natività ha origini molto antiche. La nascita di Cristo veniva riprodotta con raffigurazioni dipinte sulle pareti dei luoghi di incontro segreti dei cristiani, come le catacombe romane. Immagini che successivamente andarono ad impreziosire le mura delle prime chiese, solo nel 1200 si iniziarono a creare le prime statue.
Dobbiamo, però, per capire meglio come nasce questo amore per la rappresentazione della nascita di Gesù, prendere la macchina del tempo e impostare il navigatore al lontano Natale del 1223, quando San Francesco d’Assisi lo avrebbe “inventato” a Greccio (Rieti). È proprio San Francesco il fondatore del presepe, il quale chiese a Papa Onorio III di poter ricostruire la scena della santa notte, quella raccontata nel Vangelo di Luca. Fu così che Papa Onorio III, con la bolla “Solet annuere”, approvò definitivamente la “Regola seconda” francescana.
Greccio si animò per realizzare e concretizzare il desiderio di Francesco, scelsero una grotta, dove portarono un bue e un asinello; in una greppia (ovvero una mangiatoia che in latino si chiama “praesaepe”) sistemarono l’immagine del bambin Gesù e diffusero la notizia tra la gente del popolo e tra i nobili. Durante la notte di Natale, con ceri e candele arrivarono in molti, i canti dei frati francescani facevano da sottofondo e le cronache del tempo narrano che mentre San Francesco era in contemplazione dinnanzi a quella scena magica, pronunciando la preghiera del “bambino di Betlemme”, sembrò materializzarsi un bimbo nella mangiatoia. L’eco di quell’evento corse lontano, venendo in seguito immortalato da Giotto nel “Natale di Greccio”.

Sulla scia del desiderio di San Francesco è nata un’arte che ogni natale vede artigiani e maestri del mondo della scultura creare presepi di ogni genere e con ogni sorta di materiale.
Questa attività inizialmente si sviluppò in Toscana e subito si diffuse nel Regno di Napoli, dove ancora oggi detiene il primato italiano in termini di tradizione, innovazione e fantasia.
Saranno proprio i Napoletani a rendere caratteristici i presepi inserendo personaggi immortalati durante la vita quotidiana e ad abbigliare le creazioni con abiti cuciti su misura utilizzando stoffe pregiate. L’arte presepiale napoletana cresce e si personalizza sempre più, sin ad arrivare ai giorni nostri inserendo tra i pastorelli e i Re Magi personaggi di attualità. Infatti proprio quest’anno gli artigiani di San Gregorio Armeno hanno realizzato la statuina da presepio del nuovo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump.

Non solo personaggi di attualità o materiali pregiati, oggi parliamo anche dell’artista ostunese Marilena Semeraro, una donna dall’animo sensibile e particolarmente creativo che coltiva con amore e con una spiccata fantasia quest’arte antica. Da questa tradizione ha maturato e sviluppato la passione per i presepi. Realizzati con materiali di riciclo, principalmente naturali, con pezzi raccolti in campagna o sulle spiagge. Sapientemente reinventa il prodotto, che può essere una ghianda o un tronchetto di legno, destinandolo ad un ruolo ben preciso all’interno del presepe. Una passione la sua che coltiva da quando è bimba e che ogni natale la porta a creare particolarissimi e creativi presepi che conferiscono al natale un tocco artistico e magico. Presepi in miniatura, presepi scenici completi di ogni accessorio artigianale o  presepi totalmente naturali in valigie vintage, di grand effetto… Ve ne proponiamo alcuni. (per info contattare misteruau)

PRESPE CON GHIANDE IN VALIGIA VINTAGE
PRESPE CON GHIANDE IN VALIGIA VINTAGE

SCENA PRESEPE

 

img_0534

Con queste incredibili immagini noi di MISTERUAU vi auguriamo un sereno Natale!

AUGURI!!!!!!!!! Alla prossima creazione.